Vendemmia 2015. Beccato a pressare una cassetta: sos carradores gli pressano sas costas

BERCHIDDA. Le anticipate vendemmie del 2015 riserveranno ai consumatori una annata molto particolare per la qualità del vino e hanno riservato una prognosi di 15 giorni a un operaio impegnato nel taglio e raccolta dell’uva. Parliamo di tiu Paulu Codiu (stimato codiatore di grappoli, sessantenne, di Berchidda) e dell’episodio che lo ha visto tristemente protagonista: noto ormai da tantissimi anni negli ambienti delle vendemmie berchiddesi, tiu Codiu avrebbe rafforzato col tempo la sua fama di codiatore (che lascia l’uva attaccata alla pianta dimenticando di tagliarla ndr) passando dal codiare solo qualche grappolo in età giovanile fino ad arrivare ad interi filari nelle storiche vendemmie del 1994, per approdare infine al codiu di un’intera vigna qualche anno orsono (record tutt’oggi imbattuto).

Quest’anno, minacciato e tenuto sott’occhio dal padrone della vigna presso la quale stava lavorando, tiu Codiu non avrebbe potuto esprimere a pieno la sua vena artistica e avrebbe ripiegato su un classico delle vendemmie paesane: la cassetta pressata. Pressare le cassette è infatti una antica e goliardica tradizione che consiste nell’inserire a forza il contenuto di due o tre cassette in una cassetta sola generando quindi una “cassetta bomba” dal peso clamoroso che spezzerebbe la schiena de sos carradores.

Inesperto nell’antica arte della pressatura però, tiu Codiu sarebbe stato beccato in pieno a pressare una cassetta dal gruppo de sos carradores che proprio in quel momento imboccava il filare col trattore per raccogliere le casse piene. Dopo un breve inseguimento e un tentativo di investirlo col trattore, tiu Codiu sarebbe stato raggiunto dopo una affannosa corsa a piedi e quindi devastato a suon di calci e pugni dagli infuriati carradores che avrebbero imitato la tecnica che si usa nella pressatura (saltare a piedi uniti dentro le cassette) sul pover’uomo, pressandogli sas costas.

Dopo una risata generale, tiu Codiu è stato accompagnato all’ospedale dove i medici gli hanno riservato una prognosi di 15 giorni per recuperare dalle ferite riportate. Vendemmia 2015 iniziata in anticipo e finita ancora prima per tiu Codiu

Precedente “Qui figa”: venditore ortofrutticolo indagato per sfruttamento della prostituzione Successivo Archeologia: mosaico di Tharros testimonia la nascita dell’uomo dello zucchero filato

Lascia un commento

*